Ricetta dei canederli allo speck

  torna alle news

Ricetta dei canederli allo speck

 
  
04 Dicembre 2017

La tradizionale ricetta dei canederli allo speck rappresenta uno dei più originali piatti tipici della cucina tirolese, altoatesina e trentina. Questa pietanza è diffusa anche in altri Paesi europei. Infatti i canederli, detti anche Knodel o gnocchi di pane, oltre che in Italia e in Austria, si possono trovare in Germania, Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca.
Gli ingredienti base della ricetta originale dei canederli allo speck in Alto Adige sono: pane, uova, latte, brodo e ovviamente lo speck. Tutti gli altri prodotti usati, dal formaggio alla noce moscata, dipendono dalla zona in cui vengono preparati.
I canederli sono un cosiddetto piatto di recupero, ovvero una ricetta della cucina popolare che in passato utilizzava come ingredienti gli avanzi di cibo per evitare gli sprechi.

Ingredienti per i canederli allo speck per 4 persone (8 canederli)

100 grammi di speck tagliato a dadini
200 grammi di pane raffermo tagliato a dadini
2 uova
1/2 bicchiere di latte
30 grammi di farina
30 grammi di cipolla
erba cipollina
prezzemolo
sale e pepe quanto basta
2 litri di brodo di carne per la cottura del canederlo

Tempo di preparazione: 60 minuti


Preparazione dei canederli allo speck

  1. Mettere in una terrina capiente il pane e lo speck tagliati a dadini
  2. Aggiungere la cipolla e il prezzemolo tritati finemente
  3. Aggiungere un po’ di sale e pepe e mescolare bene
  4. Aggiungere le uova, il latte e amalgamare l’impasto con le mani
  5. Aggiungere man mano la farina fino ad ottenere la consistenza desiderata
  6. Lasciare riposare l’impasto per 20 minuti
  7. Con le mani dare ai canederli la tipica forma sferica con un diametro compreso tra i 5 e i 7 centimetri circa
  8. Una volta cotti aggiungere l’erba cipollina tritata finemente


La cottura dei canederli

La cottura dei canederli dipende dal tipo di pane utilizzato, dal diametro della sfera e dalla compattezza dell’impasto determinata soprattutto dalla quantità di farina usata. Più c’è farina più risulteranno compatti. I canederli crudi al tatto dovranno risultare né troppo duri né troppo molli. La cottura è in media di 15 minuti e può essere fatta in acqua salata o in brodo di carne. Alcuni li cucinano anche al forno.

Canederli in brodo, asciutti con burro fuso o olio

Il canederlo può essere servito nel suo brodo di cottura. Oppure asciutto e accompagnato con burro fuso o una fonduta di formaggio. Per una versione diversasi può optare per un condimento a base di olio extravergine d’oliva. I canederli serviti asciutti sono un ottimo accompagnamento per quei piatti ricchi di sughi, primo tra tutti il gulasch di manzo. In quest’ultimo caso i canederli sostituiscono a tavola la funzione del pane o della polenta.

Varianti dei canederli al formaggio e vegetariani con spinaci

I canederli possono essere anche un ottimo piatto vegetariano. Al posto dello speck si possono mettere, ad esempio, gli spinaci cotti, strizzati bene e tagliati fini. Spesso l’impasto viene anche arricchito da piccole scaglie di formaggio. Anche i funghi sono un ottimo ingrediente per i canederli.

Quale pane scegliere per i canederli

Il pane per i canederli tradizionalmente è quello bianco e raffermo. Va benissimo ad esempio il cosiddetto pane “comune” con la crosta, come le “rosette” o le “ciabatte”. Alcune versioni della ricetta usano pane integrale o comunque pane nero.